16/02/2022
COMUNICAZIONE

Creare una strategia di comunicazione che abbia risultati visibili richiede una serie di passaggi precisi, che web agencies e consulenti marketing sono chiamati a seguire in maniera efficiente e coordinata, per guidare i loro clienti verso l’ottenimento dei traguardi previsti. Tra i primi step che il team CommunicAction porta avanti nella fase di studio di ogni nuovo cliente c’è un’analisi approfondita della sua concorrenza, essenziale per capire chi sono e come si muovono i competitor e modulare quindi in modo adeguato il piano di marketing da implementare.

Ma cosa significa esattamente analizzare la concorrenza sfruttando gli strumenti digitali? Grazie al web, ai social media e ai più avanzati softwares è possibile avere un’idea chiara dei punti di forza e di debolezza dei competitors, capire le loro tattiche e i loro possibili vantaggi (o svantaggi) competitivi.

Ovviamente, lo scopo è quello di trarne informazioni utili per tentare il sorpasso. 

Chi sono i tuoi competitors?

Conoscere i tuoi concorrenti è essenziale per capirne le scelte di marketing e prevederne le possibile mosse. Solamente avendo piena coscienza di come agiscono i tuprincipali competitors puoi capire il mercato e strutturare una strategia digitale concretamente produttiva di effetti, sia sulla visibilità del tuo brand, sia sui tuoi ritorni economici.

Per esplorare le caratteristiche dei concorrenti devi prima di tutto definire con precisione le peculiarità del tuo business, ad esempio considerando in quale segmento desideri posizionarti, qual è la tua offerta e quale il pubblico a cui vuoi parlare.

All’interno del comparto determinato, puoi individuare quindi i tuoi competitors, che sono innanzitutto le aziende che offrono il tuo medesimo prodotto o servizio. Ma non solo: per avere un quadro preciso della situazione, dovresti inglobare nell’elenco dei concorrenti anche tutte quelle attività che puntano a soddisfare lo stesso bisogno di fondo della clientela anche utilizzando un’offerta diversa dalla tua, nonché i produttori di beni sostitutivi che potrebbero rispondere alle esigenze del pubblico. 

Seguendo questi criteri è possibile arrivare a una lista precisa di concorrenti, da scansionare con meticolosa precisione in ogni loro dettaglio, strategia e canale di comunicazione.

Perché analizzare la tua concorrenza

Confrontare il tuo business con quello dei competitor ti permette di raccogliere un’infinità di informazioni indispensabili per capire come approcciarti al mercato digitale e come interagire con il pubblico target.

Osservare i concorrenti può aiutarti a completare i punti chiave della più classica analisi SWOT, ovvero il metodo che ti permette di schematizzare con semplicità fattori come:

  • i tuoi punti di forza, ossia tutti gli elementi interni che rendono competitiva la tua impresa
  • i tuoi punti di debolezza, ovvero gli aspetti in cui la tua azienda è carente che avrebbero bisogno di potenziamento  
  • le opportunità del mercato, cioè quelle condizioni esterne che ti offrono margini di manovra per sviluppare il tuo business
  • le minacce che la tua impresa potrebbe trovarsi ad affrontare, provenienti non solo dal mercato ma anche da un numero ampio di direzioni, come ad esempio la legislazione del paese dove operi, la logistica, le abitudini di consumo di un determinato segmento, le condizioni socio-politiche vigenti e molto altro.

Uno studio di questo tipo è essenziale, anche in ambito marketing, per capire su quali vantaggi puoi già contare e lavorare concretamente sui lati deboli della tua impresa che, se rafforzati, ti porterebbero in una posizione più favorevole rispetto ai concorrenti. 

Potresti scoprire, ad esempio, di dover potenziare i tuoi investimenti per rendere più performanti i softwares che usi per la gestione della forza vendita o del customer service. Oppure potrebbe emergere l’esigenza di incanalare nuovo budget nello studio di prodotti innovativi che colmino dei precisi gap e che rispondano meglio alle esigenze manifestate della tua nicchia di mercato.

O ancora, se risulti più vulnerabile rispetto ai tuoi competitors nella gestione nell’advertising online, puoi impegnarti prontamente per recuperare il distacco e destinare nuove risorse alla digitalizzazione.

Inoltre, “spiare” i concorrenti ti permette di anticipare i loro errori ed evitarli per tempo, sfruttando a tuo vantaggio le loro esperienze negative. Al contrario, le buone pratiche che li hanno portati verso il successo possono essere per te di ispirazione e favorire la tua ricerca di spunti e strade percorribili. 

 È chiaro quindi che studiare la concorrenza è un passo che ti conduce verso ottime possibilità di crescita. Ma come fare, in pratica, per sondare il terreno ed esaminare i competitors? 

Le strategie per analizzare la tua concorrenza

Ti starai sicuramente domandando quali strumenti hai nelle tue mani per iniziare subito quest’analisi e cosa puoi sapere dei tuoi avversari se decidi di studiarne le mosse. Il digitale in questo senso è un’ottima fonte di opportunità.

Ti sorprenderai di scoprire come usando strumenti web, tools professionali e qualche piccolo trucco, puoi trasformare l’attività dei tuoi competitors in un libro aperto. Oltre a esplorare i segreti della concorrenza attraverso strumenti gratuiti, puoi andare ancora più a fondo nella tua ricerca, affidandoti al supporto del nostro team di professionisti del digitale.

Osserva il sito web dei concorrenti

Tra le strategie primare che ti offrono una prospettiva sorprendentemente dettagliata sui tuoi concorrenti c’è l’analisi dei loro siti web. Navigare i siti delle aziende con cui competi ti offre infatti ogni genere di informazione riguardo la loro storia e la loro visione del mercato, ma anche riguardo le offerte che hanno all’attivo: sfogliando il catalogo potrai avere indicazioni utili sulle caratteristiche tecniche dei prodotti o dei servizi realizzati, sul pricing che applicano e sulle evoluzioni che hanno interessato l’azienda e la sua tattica commerciale.

Esaminando testi, immagini e descrizioni puoi anche conoscere il tipo di comunicazione che il brand ha scelto di adottare e intuire con precisione il segmento di pubblico al quale desiderano rivolgersi. Puoi anche avere un’idea dei loro canali di acquisizione e, sempre gratuitamente, seguirli sui loro canali social o iscriverti alla loro newsletter per carpirne le tattiche. 

Esistono inoltre strumenti online, come Wayback Machine, che ti consentono di sapere com’era il sito web dell’azienda concorrente nel passato: capire che modifiche hanno apportato ti può chiarire come l’azienda si sta evolvendo nel tempo per soddisfare la nicchia target.

Cerca i tuoi concorrenti su Google

Cercare il sito concorrente sui principali search engines come Google ti restituisce un’immagine precisa del posizionamento del brand, ma anche degli sforzi che l’impresa sta facendo in ambito SEO, se il posizionamento è organico, o nell’advertising a pagamento, se noti degli annunci all’interno della SERP.

Questo ti permette di sapere se l’impresa sta incanalando budget in specifiche promozioni, se sta lanciando nuovi prodotti o spingendo in particolare alcune linee piuttosto che altre.

Segui i tuoi avversari sui social

I canali di comunicazione social della concorrenza ti mostrano altri elementi chiave, come ad esempio la composizione socio-demografica della loro community di followers, oppure il tone of voice che utilizzano per intercettare l’interesse di quella specifica fascia di pubblico. Può anche permetterti di comprendere con che tipo di approccio l’azienda si rivolge ai suoi utenti e quanto cura la user experience.

Sbirciando commenti e risposte, puoi intuire inoltre la qualità del loro servizio di customer care offerto e, analizzando dati come numero di follower, like e commenti, puoi facilmente capire che livello di engagement sono in grado di creare. Non da meno, puoi anche trarre spunti utili dalle iniziative social che hanno attirato maggiormente l’attenzione del target ed evitare invece quelle palesemente fallimentari.

Interessante è anche capire la capacità di problem solving dell’azienda, leggendo come gestiscono le recensioni, sia sui social media, che su piattaforme come Google My Business o altri siti di settore specializzati.

Un’analisi approfondita attraverso strumenti professionali

Oltre alla raccolta di dati specifici attraverso le modalità gratuite appena descritte, è possibile affidarsi anche a tools professionali per analizzare report, dati e metriche relativi alla presenza online del concorrente e alla sua capacità di gestire la comunicazione esterna.

Grazie a specifici strumenti analitici – come SEMRush, SEOZoom o altre simili piattaforme – è possibile sapere nel dettaglio quale traffico il sito competitor è in grado di incanalare e da quali fonti, ma anche osservare il trend del suo posizionamento organico nel tempo.

Fondamentale è anche avere una panoramica sulle migliori parole chiave utilizzate, poiché se si rivelano produttive di risultati possono corrispondere con quelle più ricercate dagli utenti in navigazione. È interessante anche capire se l’azienda oggetto di analisi ha all’attivo campagne PPC su Google e, se sì, su che keywords, prodotti e aree geografiche sono focalizzate.

Indagando le loro pagine più viste puoi inoltre evincere quali siano i prodotti o i servizi più ambiti, mentre analizzando i backlinks (ossia i link in entrata sul sito) puoi farti un’idea di quali partner hanno menzionato il sito competitor sul loro sito web e comprendere meglio chi sono e cos’hanno apprezzato dell’azienda concorrente.

Uno studio approfondito di insight analitici può essere svolta anche sui social media, per capire quali campagne di advertising sono messe in atto dai concorrenti e raccogliere così un numero ancora più ampio di dati, sia qualitativi che quantitativi, da trasformare in basi per un contrattacco strategico.

Gli step del percorso

Per il CA Team l’analisi della concorrenza è uno dei passi imprescindibili da compiere per trovare la strada ottimale da percorrere verso un’evoluzione positiva del business cliente. Questa tipologia di analisi però non viene svolta solamente all’inizio della collaborazione, bensì ripetuta con regolarità nel tempo, per sondare la situazione e capire quali passi avanti si sono fatti verso la conquista di nuovo terreno e il miglioramento delle prestazioni.

Se sei intenzionato a non permettere ai tuoi competitor di accumulare altro vantaggio competitivo, mettiti subito in contatto con la squadra di esperti specializzati CommunicAction per iniziare la tua scalata digitale e sorpassare i concorrenti, grazie a una strategia completa e personalizzata!

    Non perdere tempo prezioso!

    Entra subito nel vivo nel processo Business 2 Performance: prenota una consulenza iniziale con la nostra Key Account e scopri in pochi minuti se siamo il partner digitale che stai cercando.

      Iscriviti alla
      CA Letter!

      Una raccolta di news, consigli professionali e aggiornamenti indispensabili per chiunque si affacci all’universo digitale. Attenzione: è riservata a chi ha scelto di muovere il primo passo per fare la differenza.

      Call strategica
      di 30 minuti

      CHIARA RIVETTI

      Consulente digitale
      e Key Account

      •  Tempo di chiamata: 30 minuti
      •  Scopo: concretizzare i tuoi obiettivi

      Questa call fa per te se…

      Vuoi capire quali sono le priorità operative da seguire per entrare nel mondo digitale e performare il tuo business.
      Insieme a Chiara approfondirai le logiche digitali che guidato il settore in cui opera la tua azienda B2B e gli obiettivi che puoi raggiungere. A fine chiamata capirai se il metodo B2P è quello che stai davvero cercando.